Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Mascherata dell'Epifania

Indirizzo Sant'Annapelago 41027 PIEVEPELAGO MO
Telefono 0536/71304
E-mail info@comune.pievepelago.mo.it


Date 05/01/19
Scheda aggiornata il 13/12/2018 (30008154)


A cura della Redazione Locale di PIEVEPELAGO Piazza V. Veneto, 20 41027 PIEVEPELAGO (MO)
Telefono: 0536/71322 Fax: 0536/72025 Email: pievepelago@msw.it

Il 5 gennaio 2019 a S.Annapelago

Si rinnova sabato 5 gennaio 2019 uno dei più caratteristici appuntamenti del periodo natalizio con la "Mascherata dell'Epifania" a S.Annapelago. Si tratta di una delle manifestazioni tradizionali più antiche ed originali dell’Appennino che raggruppa motivi tipici del Natale (piccolo presepe vivente), dell'Epifania e del Carnevale (carri allegorici). E proprio su carri si concentra l’attesa, dato che variano dall’attualità politica internazionale ai temi tradizionali (vecchi mestieri ecc.), dai personaggi televisivi e cinematografici odierni preferiti dai ragazzi (Minions, supereroi, Peppa Pig, Puffi, Disney ecc.) a personaggi natalizi come i Re Magi coi "cammelli". Da decenni non manca l’esotica rievocazione di antiche feste tzigane: l'orso ammaestrato, lo scimmione ed altri animali (in cartapesta) che evocano ancora lo stupore dei bambini. Dopo la distribuzione dei doni alle ore 17, la festa vera e propria inizia alle 21 con la Befana e il Barbavecchione - qui l'arzilla vecchietta ha finalmente trovato marito - che arrivano in paese in calesse, su scope giganti o con mezzi più moderni (un anno addirittura su uno "shuttle"!), seguiti dal corteo con personaggi in costume e carri allegorici. La tradizione vuole che la Befana giunga dalla strada della Toscana, forse un'antica reminescenza di quando la vicina regione offriva lavoro a chi viveva sui nostri monti.