Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

La leggenda del Bucamante

Indirizzo Piazza T. Tasso, 7 41028 Serramazzoni MO
Telefono 0536 952202
E-mail turismosport@comune.serramazzoni.mo.it


Scheda aggiornata il 03/09/2015 (130006786)


A cura della Redazione Locale di SERRAMAZZONI
Piazza T.Tasso n. 7 - 41028 Serramazzoni (MO)
Tel. 0536 952202 oppure 0536 952199 int 230 - Fax 0536/954665
Email: turismosport@comune.serramazzoni.mo.it

Le Cascate del Bucamante devono il loro nome alla tragica storia del pastore Titiro e della nobile dama Odina, diciassettenne, bionda e bellissima.
 
La damigella era solita fare lunghe passeggiate per i boschi in compagnia della sua domestica. Durante una di queste scampagnate incontrò il giovane pastore Titiro, anch'egli bello come un angelo.
 
I due si innamorarono all'istante e, dopo quel primo giorno si incontrarono ancora, in segreto.
 
Un giorno però, la domestica li sorprese e, forse rosa dall'invidia, corse a raccontare tutto ai genitori di Odina, che decisero di rinchiudere la figlia nel castello.
 
Una mattina, però, Odina riuscì a fuggire e, correndo senza mai fermarsi, raggiunse Titiro.
 
Nel frattempo le ricerche della fanciulla erano iniziate; così, quando i due innamorati udirono le voci dei domestici tra gli alberi, ormai vicinissimi, capirono che per il loro amore non ci sarebbe stato scampo.
 
Decisero così di gettarsi nella cascata, stretti in un tenero abbraccio che li avrebbe uniti per l'eternità. Nella caduta, il peso dei loro corpi avvinghiati fece cedere il terreno sotto la cascata, che da allora - in omaggio a questa tragica vicenda - prende il nome di Bucamante.
 
Per arrivare alle cascate è possibile prendere due sentieri, denominati appunto "Titiro" e "Odina".