Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Itinerario n�1 - Riserva di Sassoguidano: "Sentiero VERDE"

Indirizzo Riserva Regionale Sassoguidano 41026 MO
Telefono 0536 29964
Fax 0536 324307
E-mail riserva.sassoguidano@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it
Internet www.riservasassoguidano.it/sentieri/percorsi/geomorfologico_botanico.aspx


Scheda aggiornata il 29/04/2016 (3448)


A cura della Redazione Locale di PAVULLO nel FRIGNANO
presso Ufficio Informazione Turistica del Comune di Pavullo nel Frignano
Via Giardini, 3 - 41026 - Pavullo nel Frignano (MO)
Telefono: 053629964 - Fax: 053629025
Email: uit@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it

- GEOMORFOLOGICO-BOTANICO
Facile, su strada bianca con alcuni punti d’interesse esposti, e quindi pericolosi, su bordi di inghiottitoi e sulle scarpate di Sassomassiccio e Sassoguidano. Il sentiero è stato dedicato all'osservazione di inghiottitoi, doline, scarpate, rocce tipiche del luogo, piante secolari, castagneti da frutto semi-abbandonati, querceti, specie rare come l'hottonia palustris, orchidee, ciclamini, gigli...
Si segnala la presenza di un tratto di bosco accessibile a carrozzine, passeggini, carrozzelle fra il Cimitero ed il Centro Visita, per quanto anche lungo la strada intitolata via Sassomassiccio sia abbastanza facile condurre i suddetti mezzi di trasporto monoposto.
Tempo di percorrenza sola andata: 40 minuti
Dislivello totale: 106 metri
Distanza fra il Parcheggio sito all'inizio di via Sassomassiccio e la Chiesa di Sassoguidano: 2 km
Punto di partenza: via Sassomassiccio, ingresso principale della Riserva Naturale
Arrivo: Chiesa di San Paolo, loc. Sassoguidano Chiesa
Rientro a ritroso.
 
Foto di Lorenzo Sorbelli