Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Aree di interesse paesaggistico

Contatto U.T.C.
Indirizzo Via Roma, 24 41025 MONTECRETO MO
Telefono 0536/ 63722
Fax 0536/ 63470
Internet http://www.comunitamontana-del-frignano.emr.it

Accessibilità a piedi

Scheda aggiornata il 19/06/2015 (2269)


A cura della Redazione locale Unione dei Comuni del FRIGNANO
Email: info@unionefrignano.mo.it

PINO SOLITARIO:E' una pianta secolare di ampie proporzioni, che s'incontra ad una svolta della Strada dei Monti la quale, per una lunghezza di 10 Km, porta alla Bocca di Rovinella. Fino a pochi decenni fa era veramente solo, ma poi si sono piantati vicino altri alberi che, fortunatamente, stentano a crescere come il suo antenato. MONTE CERVAROLA: Il monte Cervarola, o Cappello di Rovinella, si erge al culmine dei prati di Montagù, con un'altezza di 1700 m slm. E' un vero cappello rivestito di boschi e, sulla sommità, soltanto da cervino. MONTE RONDINARA: S'innalza dalla Valle di Roncadello, a ponente di Montecreto, dal quale dista 5 Km. Raggiunge i 1300 m di altezza.E' rivestito al piede da una folta vegetazione boschiva di faggio, che dirada gradualmente verso la vetta, scomparendo quasi sul tozzo crinale d'arenaria friabile. MONTE CAPRILE: Pintato saldamente nello Scoltenna sul versante che guarda Magrignana, ad ovest di Montecreto, s'innalza precoce lungo il confine delle due parrocchie, in una granitica cordigliera a tratti coperta da rachitici cespugli e parziali ritagli boschivi diversi che sovente lasciano intravedere un magico complesso di piramidi rocciose.Il monte tende preferibilmente, dall'alto dei suoi 1400 metri, verso la profondità vertiginosa di Vallelunga, e l'accompagna inesorabile dal torrente al crinale. MONTE AGU: E' considerato il gemello del Caprile. E' posto sul versante opposto e lambito al piede dai ruscelli Rio Re e Bevitore i quali, al di sotto dello Stellaro, formano il Rio Valle, consistente affluente dello Scoltenna presso Strettara. A differenza del Caprile, Montagù è rivestito da fitta boscaglia diversa, ed alla sommità, alta circa come il gemello, si stendono le immense praterie che, dai clivi della Marina, si prolungano fino al Passo del Lupo e culminano al Monte Cervarola.