Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Museo Diffuso della Linea Gotica di Montese

Contatto Segreteria biblioteca Montese, sig.ra Emanuela
Indirizzo Via Panoramica n�25 41055 Montese MO
Telefono +39 059 971122
Fax +39 059 971100
Internet http://www.lineagoticamontese.eu/


Scheda aggiornata il 24/06/2015 (60006813)


A cura della Redazione locale di MONTESE (MO)Via Panoramica 25 41055 Montese MO
Tel. 059/971122 - Fax: 059/971100 - Email: biblioteca@comune.montese.mo.it

Il museo si snoda attraverso 23 km di percorsi nel territorio di Montese, tra borghi e boschi, arricchito di monumenti, dal museo Storico della Rocca di Montese e dal museo della Memoria di Iola: è uno dei pochi esempi di museo diffuso in Italia. 

Come un dialogo tra il passato di un lungo anno di guerra e un presente volto alla pace, il Museo Diffuso percorre le montagne e le valli del montesino raccontando la durezza del periodo che dall'estate del '44 porta al termine della Seconda guerra mondiale, nell'aprile del '45.

 

LA LIBERAZIONE DI MONTESE

Le alture del Montello e Monte Buffone rappresentarono il cuore delle difese tedesche a Montese. Il 14 aprile 1945, con l’inizio dell’offensiva finale sulla Linea Gotica in Appennino, l'attacco brasiliano si indirizzò proprio su Montese.

La cruenta battaglia durò 4 giorni, dopo i quali nella notte fra il 18 e il 19 aprile i tedeschi sconfitti si ritirarono anche dal Montello e Monte Buffone verso la pianura.

La battaglia di Montese fu la vittoria più sofferta e impegnativa che la FEB  (Força Expedicionária Brasileira), ebbe nella campagna d'Italia. 

Sentimenti di riconoscenza e di amicizia legano ancora oggi Montese al cuore generoso del popolo brasiliano.